L'associazione

La missione

L'istituzione

Statuto

Rendiconti

Contatti

Antigóna in India

Main sponsors 2014/2015




Superbar




Studio medico Pluchinotta




C.I.S.L.
Area metropolitana bolognese




Collegio provinciale Ostetriche Bologna




Il Seno di poi O.N.L.U.S.




Loto O.N.L.U.S.

Attività in corso
Français  
Castellano  
jquery carousel by WOWSlider.com v8.2
Aiutaci

con una donazione online via Paypal;

facendo un bonifico bancario sul conto corrente d'Antigóna IT 47 Z 03599 01899 050188539572, presso Banca Etica;

con il tuo 5 x 1.000, indicando il Codice Fiscale 97354920155;

                             come finanziare 

venendoci a trovare ai nostri eventi;

                               dove trovarci   

impegnandoti nei nostri progetti;

                              cosa puoi fare  

Ultime notizie

23 maggio 2020: grazie ai buoni ricordi che abbiamo lasciato in occasione della collaborazione Biblioteca dei libri viventi, i nostri ex capofila dell’Anteas hanno fatto ad Antigóna una proposta molto interessante. Si tratta di collaborare al loro primo progetto d’accoglienza di volontari del Servizio Civile, intitolato Fragilità e fiducia per e con gli anziani, soprannominato FFa2, un gioco di parole che richiama i codici d’identificazione delle mascherine che ancóra dobbiamo indossare a causa del coronavirus. Il progetto è stato presentato al competente dipartimento della Presidenza del Consiglio comprensivo dell’adesione d’Antigóna come partner operativa associata all’Anteas: se verrà approvato, ci consentirà di ricevere presso la nostra sede volontari in Servizio Civile per un determinato monte ore da concordare con Anteas. Questi volontari potranno dare il loro supporto sia nelle iniziative che Antigóna sta conducendo e programmando di sviluppare, che sono state tutte inserite all’interno dell’FFa2, sia all’interno di progetti d’Anteas ai quali Antigóna avrebbe piacere in ogni caso di partecipare. Il caso vuole che l’eventuale inizio del progetto FFa2 coincida sostanzialmente con la fine del progetto Rondini della solidarietà; ciò vuol dire che, se ambedue dovessero essere approvati dai rispettivi finanziatori, Antigóna avrebbe assicurata la presenza continua d’almeno un volontario per tutto il 2021 (e anche prima e dopo).

6 maggio 2020: naturalmente Antigóna, assai fiduciosa sull’ottenimento della quality label come organizzazione d’accoglienza di volontari finanziati dall’Unione Europea, aveva già pronto il suo primo progetto in tal senso, che è stato inviato all’Agenzia Nazionale Giovani non appena abbiamo avuto conferma ufficiale del nostro accreditamento. Come titolo del progetto abbiamo scelto lo slogan presente da sempre sul nostro logo, Rondini della solidarietà, che può ben rappresentare l’idea di volontari che partono da paesi europei per venire a Bologna e portare un contributo di solidarietà nei nostri progetti. Il primo di questi paesi dovrebbe essere la Polonia, giacché, per il debutto, abbiamo invitato la nostra più solida partner del Servizio Volontario Europeo, l’associazione Strim, a fungere da organizzazione d’invio. Quindi, se il progetto verrà approvato e tutto andrà come previsto, a partire da ottobre o novembre, e per i sei mesi successivi, avremo con noi un volontario polacco, con la responsabilità specifica di curare le attività di comunicazione e visibilità d’Antigóna, ma che eventualmente sarà anche in grado di collaborare nella realizzazione pratica delle nostre varie iniziative.

6 maggio 2020: facendo séguito alla nostra richiesta d’accreditamento, presentata a marzo, l’Agenzia Nazionale Giovani ha valutato Antigóna e la sua sede operativa come soggetti che, per esperienza, competenza e logistica, rispondono ai requisiti richiesti per accogliere volontari del Corpo Europeo di Solidarietà. Conseguentemente, ha attribuito ad Antigóna la cosiddetta quality label (che potremmo tradurre come marchio di qualità) che ci permetterà di presentare progetti d’accoglienza a Bologna e formazione sul campo, per periodi che vanno da due a dodici mesi, di giovani d’età compresa tra i 18 e i 30 anni, grazie a finanziamenti dell’Unione Europea. In sostanza, si tratta dell’altro lato della medaglia del Servizio Volontario Europeo, nell’àmbito del quale, da marzo 2018, siamo stati noi a inviare in diverse nazioni d’Europa i 20 ragazzi che sono partiti finora.

4 maggio 2020: seguendo la tempistica dettata dalle disposizioni governative, a partire da oggi solo su appuntamento, e ancór di più dal 18 maggio in maniera regolare, Antigóna riapre la propria sede operativa, per svolgervi tutte le sue attività, in primis le riunioni connesse al Servizio Volontario Europeo e l’accoglienza dei beneficiari del Porto informatico. In particolare per quest’ultimo, abbiamo adattato il layout della stanza e il nostro abbigliamento per rispettare le norme sulla prevenzione del contagio.

27 aprile 2020: grazie alla nuova sede operativa, l’impegno d’Antigóna sul tema della mobilità internazionale giovanile può arricchirsi d’un ulteriore capitolo, cioè ospitare i volontari del Corpo Europeo di Solidarietà, che è la recente denominazione ufficiale del Servizio Volontario Europeo. Per determinare l’esito della domanda d’accreditamento come ente ospitante che abbiamo presentato all’Agenzia Nazionale Giovani, quest’ultima ha voluto verificare e valutare le nostre competenze in materia, attraverso un’intervista telefonica di circa un’ora in cui Dario ha esposto al meglio tutto quanto abbiamo imparato e realizzato dal 2017 a oggi su questo progetto.